Viaggio storico culturale sulla Via Francigena da Canterbury a Roma

adelaide-via-francigena-0- a cura di Adelaide Trezzini, presidente AIVF al Circolo ACCUEIL degli Affari Esteri – Roma il 5.3.2003 adelaide-via-francigena-1- CANTERBURY  80° tappa di Sigerico, oggi capoluogo del Kent, è una città romana sulla via tra Londra e Dover. La principessa merovingia Berta visse nel convento della chiesa parrocchiale di S. Martino prima di sposare il re sassone Ethelbert poi convertito al cristianesimo. Il luogo di culto era officiato da sant’Agostino già dal 597 prima di fondare la 1° sede vescovile dell’isola britannica. Il suo fonte battesimale sassone del VIIIs è tuttora in uso. Dell’abbazia di S. Agostino, culla del cristianesimo, sono visitabili gli imponenti resti dal VI-XIIs dopo la distruzione del 1538 operata da Enrico VIII. Mentre la cattedrale Christ Church, ricostruita nel 1178 in stile gotico primitivo inglese, diventa famosa in tutto il mondo per l’afflusso dei pellegrini sulla tomba di s. Thomas Becket nel luogo dove fu assassinato il 29.12.1170. La tragedia viene raccontata in molti reliquari.   In quanto meta di pellegrinaggio Canterbury può vantare molte testimonianze tra le quali: la casa dei pellegrini, l’ospedale dei preti bisognosi XIII-XIVs restaurato negli anni 1970 per ospitare il Canterbury Heritage museo. Ritroveremo in molte città, mura e fortificazioni databili come queste tra XII-XIVs che fungono oggi da museo militare. Come attrazione turistica assistiamo alle “Canterbury Tales” rievocazione del viaggio dei pellegrini di Chaucer da Londra a Canterbury alla fine del ‘300. In fine una veduta della città al tempo degli Ugonotti XVIs sotto la regina Elisabetta. adelaide-via-francigena-2-

Copyright 2015 Association Internationale Via Francigena | All Rights Reserved | Disclaimer | Credits: Andrea Biello